Spedizioni Gratuite per spesa di almeno 100 euro. Consegna 24/48 ore in tutta Italia

Come si fa la ceretta all'inguine e come provare meno dolore

La depilazione inguinale consente di risolvere il problema dei peli superflui che crescono in quelle zone lì. Al giorno d’oggi è divenuta quasi una prassi indispensabile, sia per una questione igienica che per un fattore puramente estetico, si pensi al costume nella stagione estiva. Vi sono vari metodi per affrontare il problema: c’è il classico rasoio, la crema depilatoria, la cere a caldo, la ceretta brasiliana Beautyrose, la luce pulsata ed il laser. La depilazione all’inguine si può fare dal dermatologo, in un centro estetico oppure comodamente a casa propria, nel caso si opti per quest’ultima, occorre ricordare che le zone intime sono molto delicate e sensibili e bisogna sempre osservare qualche accortezza in più quando si tratta della zona bikini.

A COSA SERVONO I PELI PUBICI?

I peli pubici hanno una duplice funzione, prima di tutto sono indispensabili per la termoregolazione in quanto mantengono stabile la temperatura della pelle nella zona inguinale, in secondo luogo proteggono le nostre parti intime da batteri, allergeni e microrganismi patogeni, opponendosi ad essi fisicamente come una barriera a protezione dei genitali.

VANTAGGI DELLA DEPILAZIONE INGUINE

Depilarsi nella zona dell’inguine consente di avere una pelle liscia e l’assenza di peli superflui migliora sensibilmente l’igiene e l’aspetto estetico.

COME SI ESEGUE LA DEPILAZIONE INGUINE?

Rasoio: è il metodo più classico, facile e veloce per depilarsi. consiste in una o più lame (a seconda del modello di rasoio utilizzato) che tagliano il pelo a raso della pelle. sebbene questa potrebbe sembrare la soluzione più facile, nasconde però molte insidie: non estirpa il pelo alla radice, ma ne rimuove solo la parte finale e questo a lungo andare porta ad un aumento della ricrescita del pelo che sarà sempre più forte e duro, soprattutto in una zona ormonale come l’inguine. altro fattore da non sottovalutare è l’irritazione che il passaggio della lama genera su una pelle così delicata come quella dei genitali, si possono formare foruncoli, infiammazione della pelle, oltre al possibile rischio concreto di tagliarsi in zone molto delicate.

Crema depilatoria: può essere considerata l’alternativa fisica al rasoio, è una crema che si spalma direttamente sulla peluria e dopo averla lasciata agire per un tempo che può variare dai 3 agli 8 minuti, si rimuove semplicemente con l’acqua, magari aiutandosi con una spatola o una spugna che di solito si trova in dotazione nella confezione, se la crema non viene via subito si può ricorrere anche ad una salvietta ma senza strofinare, soltanto per tamponare la zona interessata. Anche questa tecnica però nasconde delle insidie in quanto si tratta di un prodotto chimico che grazie all’acido tioglicolico scioglie chimicamente la cheratina (la principale componente del pelo). Come accade per il rasoio, questo metodo di depilazione non intacca minimamente il bulbo pilifero, quindi non va a ritardare la ricrescita del pelo, e a lungo andare gli agenti chimici presenti nella crema possono irritare la pelle, quindi è consigliabile usarla solo in piccole zone e ben distanti dalle mucose genitali.

Ceretta a caldo: è composta principalmente da paraffina (un derivato del petrolio) e altre sostanze chimiche, si scioglie con l’ausilio di un fornello elettrico e si spalmano sui peli, ci si applicano delle strisce in tnt e si tolgono con un deciso strappo contropelo. Questo metodo consente di estirpare il pelo alla radice e quindi permette di guadagnare molto tempo tra un trattamento e l’altro, tuttavia la paraffina risulta essere molto aggressiva sulla pelle e lo strappo anche se eseguito da mani esperte risulta piuttosto doloroso.

Ceretta brasiliana Beautyrose: è una ceretta naturale a base di cera d’api, cera alba, rosa canina ed oli essenziali, a differenza della ceretta a caldo non contiene paraffina e non necessita di strisce per essere rimossa. Si scalda nel fornello elettrico e si spalma con la spatola in direzione del pelo, dopo pochi secondi si alza un lembo della striscia e lo si usa per tirarla via dalla pelle, in direzione del contropelo. Con questo metodo il pelo viene rimosso alla radice e a lungo andare si ottiene un’assottigliamento del pelo ed un’allungamento dei tempi di ricrescita, inoltre il dolore dello strappo è ridotto al minimo, in quanto i componenti naturali della ceretta brasiliana Beautyrose non si attaccano alla pelle e gli oli essenziali che la compongono contribuiscono a lenire e sfiammare la pelle.

Strisce epilatorie: sono una versione pronta all’uso della normale ceretta a caldo, la peculiarità di questo prodotto è che la cera non è più in barattolo ma la troviamo già disposta sulle strisce di tnt che vanno apposte sulla pelle e tirate sempre nel verso del contropelo. Come per la cera a caldo questo prodotto è composto da paraffina ed è quindi molto aggressivo sulla pelle e lo rende poco indicato a trattare zone delicate come l’inguine.

Epilatore elettrico: è un apparecchio piuttosto diffuso e lo si può utilizzare in ogni parte del corpo, è composto da una testina con delle ganasce che agganciano meccanicamente i peli e li estirpano dalla pelle. La sua efficacia dipende dalla velocità di rotazione della testina e spesso bisogna ripassare più volte sulla zona per permettere alle ganasce di afferrare tutti i singoli peli della parte da trattare. Data la sua particolare conformazione però questo risulta essere uno dei metodi più dolorosi in quanto si avverte ogni singolo stappo di ogni pelo anche aumentandone la velocità di rotazione.

Epilazione laser: viene effettuata soltanto negli studi medici o nei saloni estetici, prevede più sedute di trattamento (in base alla zona da voler trattare) ed è efficace soltanto in presenza di peli scuri in contrasto ad una pelle chiara. Il laser in questione è un fascio di luce che va a colpire la melanina nei peli scuri e li surriscalda al punto tale da snaturarne la struttura. col susseguirsi delle sedute, a distanza di mesi, si verifica un progressivo diradamento ed assottigliamento del pelo rallentandone la ricrescita. Al termine di ogni seduta è comunque necessario eseguire un’epilazione con cera a caldo o meglio ancora ceretta brasiliana Beautyrose in quanto il pelo colpito dal laser resta comunque nella pelle.

Epilazione con luce pulsata: è una tecnica simile all’epilazione laser ma può essere effettuata da chiunque, come il laser però presenta delle limitazioni in quanto può essere eseguita solo su peli scuri su pelle molto chiara in quanto va a colpire la melanina del pelo con una lunghezza d’onda del fascio di luce che può colpire anche la pelle, per questo si sconsiglia di effettuarlo in estate o su pelli piuttosto scure. Come già dette per il laser una volta eseguita la seduta, bisogna comunque sottoporsi ad un trattamento di epilazione con cera a caldo o ceretta brasiliana Beautyrose.

LIMITI DI ALCUNI METODI PER LA CERETTA INGUINE

  • Rasoio
  1. Non agisce sul bulbo pilifero e quindi la ricrescita compare entro pochissimi giorni
  2. Rischio di irritazioni e foruncoli Rischio di infezioni e infiammazioni cutanee
  3. Essendo i peli pubici molto spessi, la ricrescita di un pelo di questo tipo reciso all’altezza del fusto risulta essere più dura e ispida
  4. Se la pelle non è ben esfoliata o idratata è molto facile che ricrescendo, il pelo, tenda ad incarnirsi
  5. Alcune microlesioni della cute dovute al passaggio della laman potrebbero in qualche caso predisporre a malattie sessualmente trasmissibili.
  • Crema depilatoria
  1. Se non stesa alla perfezione il risultato non è ottimale
  2. Può portare a irritazione della pelle dovuta ai forti agenti chimici che sciolgono i peli
  3. Spesso l’odore che provoca quando agisce è molto forte e fastidioso
  4. In alcuni casi si possono avere reazioni allergiche
  • Ceretta a caldo
  1. Essendo composta per lo più da paraffina (derivato del petrolio) si attacca oltre che al pelo anche alla pelle, provocando non poco dolore nello strappo oltre a rossore, infiammazione cutanea e follicolite.
  • Laser e Luce pulsata
  1. Non si possono eseguire su tutte le tipologie di peluria
  2. Non si possono eseguire su tutte le tipologie di pelle
  3. La luce pulsata non è consigliabile eseguirla in estate
  4. Devitalizzano il pelo ma senza rimuoverlo, quindi vanno comunque seguite da un’altro metodo di epilazione

LA SOLUZIONE MIGLIORE PER LA CERETTA INGUINE

La depilazione inguine con la ceretta brasiliana Beautyrose è veloce e semplice ed è la soluzione migliore se si vogliono rimuovere i peli in modo efficace, duraturo e col minor dolore possibile.

Le altre tecniche risultano essere o dei rimedi dell’ultimo minuto che a lungo termine non migliorano, ma anzi peggiorano la situazione infoltendo il pelo (rasoio o crema depilatoria) oppure sono tecniche che contribuiscono anch’esse a risolvere il problema nel lungo periodo ma comportano nell’immediato un forte dolore nello strappo del pelo (ceretta a caldo tradizionale ed epilatore elettrico).

Il laser e la luce pulsata sono molto efficaci ma presentano delle limitazioni dovute alla tipologia dei peli e della pelle, e soprattutto dopo ogni seduta va comunque effettuata una rimozione manuale del pelo, in quanto entrambi i metodi lo indeboliscono o lo devitalizzano ma senza poi effettivamente rimuoverlo.

Clicca sul link per acquistare la ceretta brasiliana Beautyrose

COME PREPARARE LA PELLE ALLA CERETTA INGUINALE

Che abbiate optato per il rasoio, per l’epilatore elettrico o la ceretta brasiliana Beautyrose, prima di sottoporvi ad una depilazione inguinale è bene che osserviate questi accorgimenti:

  • Almeno due giorni prima è bene sottoporsi ad un trattamento esfoliante. permetterà di rimuovere le cellule morte della pelle e contribuirà ad evitare l’insorgere di peli incariniti.
  • Chi ha la pelle molto sensibile può ricorrere anche al gommage, uno scrub che di solito si usa per il viso.
  • Sconsigliamo l’utilizzo di spugne di loofah o dei guanti di crine che potrebbero graffiare la pelle.
  • Appena prima dell’epilazione stessa si consiglia di pulire bene la zona dei genitali e assicurarsi che sia ben asciutta e priva ci creme, oli, alcool o qualsiasi altra sostanza grassa.

COSA FARE DOPO LA CERETTA INGUINE

  • Evitare saponi o prodotti a base di alcool come i deodoranti o altre sostanze irritanti
  • Applicare sulla pelle gel o creme lenitive
  • Indossare un intimo di cotone in modo da evitare rossori o irritazioni indesiderate

Boxed:

Sticky Add To Cart

Font: